TERRITORIO

Il clima e la riscoperta dei tesori del Piceno

Quello delle Marche è uno dei paesaggi più dolci dell’Italia, dal clima tipicamente mediterraneo mitigato dal mare e dalle montagne che rendono le estati calde ed asciutte e gli inverni abbastanza freddi e piovosi. 


Da un lato le colline ascolane che offrono condizioni ideali per la coltura della vite e dall’altro coltivatori illuminati che non alterano il territorio, ma lavorano nel suo rispetto. Per di più l’aria che dal mare arriva in collina e che dalla collina arriva al mare, permette di ottenere uve sane che richiedono un intervento minimo di fitosanitari.

Ecco allora che si creano le condizioni ottimali per la vite nel Piceno, come testimoniato dalla storia.

Con il tempo, i viticoltori piceni hanno spostato il loro focus d’attenzione su un discorso proteso alla valorizzazione della qualità del prodotto finale e il recupero dei vitigni della tradizione, opponendo alla quantità i valori della resistenza, della memoria e della salvaguardia del territorio.


Questa crescita culturale ha coinvolto anche il vitigno Passerina fin dalle prime selezioni degli anni Settanta e Ottanta operate da Guido Cocci Grifoni nell’azienda che porta il suo nome – Tenuta Cocci Grifoni – a San Savino di Ripatransone. Il suo impegno nello studio dei vitigni, sviluppo e coltivazione, entrano di diritto nell’enologia locale.

DOCG e IGT

Come scegliere la Passerina migliore? Al di là della filosofia della cantina, DOCG e IGT sono le sigle da ricercare in etichetta.

Sono due i disciplinari che regolano la produzione della Passerina: DOCG Offida e Marche IGT. Il primo definisce un’area ben precisa e limitata di coltivazione, il secondo estende quest’area a tutta la regione.

La Passerina Marche IGT

Quando la zona di produzione delle uve comprende l’intero territorio amministrativo delle cinque province marchigiane (Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Pesaro-Urbino), ci troviamo nel disciplinare di Indicazione Geografica Tipica.

I vini IGT Marche Passerina devono assicurare come minimo un titolo alcolometrico volumico totale del 9,5% Vol., è ammesso un titolo alcolometrico totale non superiore a 15%Vol.

Vitigno Passerina - IGT Offida - Tenuta Cocci Grifoni

La DOCG OFFIDA

La produzione di Passerina è tutelata dal disciplinare DOCG Offida che comprende tre tipologie:

  • Offida Pecorino
  • Offida Passerina
  • Offida Rosso

Le uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita Offida devono provenire da vigneti coltivati in una zona che comprende 25 comuni della provincia di Ascoli Piceno e di quella di Fermo.

Si tratta di un’area che va dal litorale Adriatico, raggiunge la collina, fino ai 650 metri sul livello del mare. Le diverse altitudini influenzano il prodotto finale.

I comuni che delimitano l’area sono: Acquaviva Picena, Appignano del Tronto, Castel di Lama, Castorano, Castignano, Cossignano, Montefiore dell’Aso, Offida, Ripatransone. Inoltre comprende una parte dei territori comunali di Ascoli Piceno, Colli del Tronto, Campofilone, Carassai, Cupra Marittima, Grottammare, Montalto Marche, Massignano, Monsampolo del Tronto, Montedinove, Monteprandone, Pedaso, Petritoli, Rotella, San Benedetto del Tronto, Spinetoli.

Torna su